jump to navigation

Stream of (a touched) consciousness 8 febbraio 2012

Posted by cioppy in unzip my body take my heart out.
Tags: , , , , ,
trackback

“Ma chi l’ha detto che in terza classe / che in terza classe si viaggia male?”

Il Principe e la sua Titanic sono la prima cosa che m’è venuta in mente. Che in fin dei conti è una canzone a suo modo pop, un pop ante litteram. Ma è fresca, allegra eppure basta il titolo a far capire quanto quell’allegria sia posticcia. C’è aria di festa alla partenza del Titanic, c’è lusso anche per i poveracci.

Probabilmente, traslata all’arrivo in America, quell’allegria sarebbe diventata altro. Magari qualcosa di aspro e spietato. Magari qualcosa di elettrico.
A traslarla un secolo dopo quell’allegria è davvero la stessa ma ha preso la scossa, è passata dentro una tastiera, un synth e un organetto ed è uscita da un amplificatore.
È sempre sorridente ma di un ghigno fin troppo conscio. È stremata. È l’allegria dei lavoratori flessibili, ergastolani in tournée ma molto più sorridenti. È l’ostentata serenità di una posa underground, di chi sa di essere uguale ad altri mille, perché gli fa comodo esserlo. È la disinvoltura dei legami emotivi a maglie larghe, quelli senza ricorrenze, amici in comune o sms della buona notte.
È la freschezza della cella frigorifera, del latte UHT, dei risotti liofilizzati.
È un’illusione, una menzogna raccontata male. Una rabbia celata e mostrata con garbo forzato.
È il “preferirei andare a pulire il culo a Saddam Hussein piuttosto che lavorare ancora per te” pronunciato a fendere l’aria.
Non è il fottetevi tutti! urlato da Giorgio Canali, non è lo sguardo di altezzosa commiserazione degli Zen.
È una gestione della propria pelle, con dignità e odio dissimulato.
Ti travolge da seduto, ti innesca un effetto domino di pensieri che non sapevi di avere.
Ti fa male come solo la verità sa fare. E finisci per amarlo. È Lo Stato Sociale. È un disco spaventoso. Ma col sorriso.

Annunci

Commenti»

1. Mara Coffee - 9 febbraio 2012

Bello.
*-*

2. pomeriggio camillo « galleggiante - 16 maggio 2012

[…] concerto dura un tempo sconfinato e dopo è solo amore all’ennesima potenza. Ci sono i regaz, bellissimi, reduci dalla Sardegna e dall’incontro con i Nobraino, c’è Bob Corn da […]

3. Party(re) ’till I die « galleggiante - 4 agosto 2012

[…] in laguna, abusare di spritz e fare una di quelle sorprese che ci si diverte a vedere le facce dei Regaz mentre mangiano costicce e salamella. “Drogata! Ma te come ragioni?!” sì, sentirsi […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: